Di notte c’erano le stelle

episodio #01

Un bambino, una speranza.

Una realtà parallela, distopica. Un futuro costruito male, sulle basi incerte della cattiva condotta di un’umanità scellerata. In questo mondo assetato e perduto, Lori ha dalla sua la fantasia, il coraggio, la curiosità, il colore brillante della giovinezza.
Nonno Bruno, che da tempo ha smesso di sognare, invece, dei suoi anni porta solo il peso.
In questo futuro senza luce, dove il cielo è ingiallito come la società stantia e incapace di cambiare, la determinazione di un bambino accende le speranze e, nell’azzurro immaginato, le stelle.

Generi: climate fiction, cyberpunk, post-apocalittico
Caratteristiche: commovente, cupo, motivante.

Dieci ricerche scientifiche, un ateneo, una storia fantastica.

Il primo episodio di The Shifters parte da dieci ricerche scientifiche condotte all’interno dell’ateneo cagliaritano coinvolgendo dodici ricercatori appartenenti a cinque dipartimenti differenti:

R

Dipartimento di Scienze Economiche ed Aziendali

R

Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali

R

Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente

R

Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura

R

Dipartimento di Scienze Mediche e Sanità Pubblica

Una catastrofe, solo alcuni sopravvissuti. In questo scenario post-apocalittico, il genere utilizzato per il primo episodio è il climate fiction, parte della science fiction, in cui una narrativa distopica, all’interno del filone Cyberpunk, racconta un mondo caratterizzato da perdita di fiducia nel futuro, immagini incupite, problemi legati al clima e all’ecologia.

I due protagonisti incarnano metaforicamente il rapporto tra la Ricerca e la società. Da un lato abbiamo la perdita di fiducia e il pessimismo che caratterizza la società attuale, rappresentata dal nonno Bruno, e dall’altro la fiducia, la curiosità e la determinazione dei ricercatori, invece, simboleggiate dal nipote Lorenzo.

Diretto da Naked Panda Sceneggiatura di Alessandro Logli Prodotto da CREA UniCA / Università degli studi di Cagliari Prodotto da Naked Panda Regia Naked Panda con il supporto di Fondazione Sardegna Film Commission

Cast: Bruno  Paolo Meloni Lorenzo  Tommaso Boi Luigi  Antonio Luvinetti

Direzione della fotografia: Micaela Cauterucci, Enrico Monni Editing: Gabriele Meloni Visual Effects Supervisor: Giovanni Pintus Aiuto Regia: Gianluca Caboni Color Correction Supervisor: Enrico Monni Casting director: Carlo Licheri Acting Coach: Agnese Fois Assistente camera: Michele Macciò Macchinista: Emanuele Mallocci Suono: Roberto Cois Costumi: Salvatore Aresu Assistente costumi: Giovanni Trudu Scenografia: Francesca Ragazzo Assistente scenografia: Riccardo Cara Make-up Artist: Marta Cauterucci, Silvia Garau Edizione: Davide Salotto Fotografo di scena: Fabio Marras Illustrazione animata titoli: Giulia Della Pina Operatore backstage: Gabriele Muscas

Doppiaggio a cura di Quarantacinque A&D Direzione doppiaggio: Michela Atzeni Voce Bruno: Elio Turno Arthemalle Voce Speaker Radio: Lorenzo Melini

Progetto The Shifters Responsabile Scientifico: Maria Chiara Di Guardo, Prorettore all’innovazione e al territorio Project Manager: Laura Poletti, Responsabile attività di comunicazione per la Terza Missione Consulenza: Marco Casto

The Shifters

Se racconti una storia tutto cambia.

I protagonisti

Raccontare la ricerca: la nostra missione.

Potrebbe interessarti anche

Sviluppo sostenibile: il ruolo di The Shifters nella strategia comunitaria.
The Shifters: una missione UniCa. Cambiare.
La scienza: il gusto della scoperta.
Una storia piena di colpi di scienza.
Perché un progetto di Terza missione.

Interessante?

Condividi questo articolo con i tuoi amici!